Ormoni ipofisiari

L’ipofisi è una ghiandola endocrina che contrae un particolare rapporto morfofunzionale con l’ipotalamo. È strutturalmente formata da tre lobi: lobo anteriore, lobo mediale e lobo posteriore tra loro finemente connessi mediante una rete vascolare.

L’ipofisi posteriore, o neuroipofisi, è costituita da prolungamenti assonici di un corpo ipotalamico; per questa ragione gli ormoni prodotti, e immessi nel torrente sanguigno, sono definiti con il termine di ormoni neurosecreti o neuro-ormoni.

L’ipofisi anteriore è una vera e propria ghiandola endocrina, poiché riceve stimoli dal torrente ematico rilasciati a livello dell’ipotalamo e, sempre nel torrente ematico, rilascia i prodotti ormonali neosintetizzati.

Funzionamento dell'ipofisi

 

Meccanismo di secrezione degli ormoni ipofisiari 

Figura 22 Meccanismo di rilascio ormonale di ipofisi e neuroipofisi

La figura sopra riportata mostra il funzionamento del cosiddetto asse ipotalamico-ipofisiario. A livello della neuroipofisi vengono rilasciati gli ormoni secreti dal nucleo sopraottico e dal nucleo paraventricolare. Le terminazioni assoniche sono a stretto contatto con il torrente sanguigno, giacché separate soltanto da una lamina basale. Per esocitosi gli ormoni prodotti dai nuclei ipotalamici ADH e ossitocina vengono rilasciati nel torrente sanguigno mediante esocitosi. L’adenoipofisi, in quanto ghiandola vera e propria, è sotto il diretto controllo dell’ipotalamo. Come avviene, dunque, la biosintesi ormonale? L’ipotalamo, in risposta a determinati stimoli, sintetizza dei fattori di rilascio che vengono immessi a livello della vena portale lunga. Questi fattori raggiungono le cellule endocrine dell’adenoipofisi e stimolano la sintesi di ormoni che vengono liberati nel torrente sanguigno.

Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

No comments for this page
wiki ver.... ©