Effetto fotoelettrico - chimica

Scritto da Dott. Crisafulli F..
Pubblicato il 27-03-2017 Revisionato il 16-04-2017
Dott. Crisafulli F.

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

L'effetto fotoelettrico è un evento chimico-fisico che si manifesta quando un corpo, generalmente un metallo, è colpito da un fascio di luce che ha una particolare frequenza.

L'atomo eccitato dal fotone emette un elettrone se la frequenza è superiore alla cosiddetta frequenza minima. Altrimenti, qualora la frequenza non fosse sufficientemente elevata, l'effetto ottico non si manifesta.

Il primo scienziato a teorizzare il meccanismo dell'effetto fotoelettrico fu Einstein.

Effetto fotoelettrico
Effetto fotolettrico: il fascio di luce, idealmente in rosso, non possiede una minima frequenza necessaria e, per questo motivo, non vi è emissione di elettroni. L'altro fascio, inceve, colpendo il metallo provoca l'emessione di elettroni poiché la sua frequenza è sufficiente per l'emissione elettronica.

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©