Atlante di chimica: Fluoresceina

Scritto da Fabrizio Crisafulli.
Pubblicato il 17-11-2016 Revisionato il 02-09-2022
Fabrizio Crisafulli

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

La fluoresceina è un acido debole organico usato spesso come indicatore nelle titolazioni acido-base. Fa parte dei coloranti fluorescenti poiché se eccitato nello spettro di frequenza della luce blu o con una frequenza ultravioletta emana una caratteristica fluorescenza.

Gli utilizzi della fluoresceina sono molteplici. La sua buona solubilità in acqua rende la molecola adatta per tracciare i corsi d'acqua. Basta utilizzare una piccola quantità di fluoresceina "a monte" per seguire il percorso "a valle" e valutare il percorso compiuto da piccoli corsi d'acqua, anche se gli stessi diventino per tratti ipogei.

Fluoresceina
Formula di struttura della fluoresceina.

La fluoresceina sodica è anche utilizzata come colorante per tessuti organici. Ha una buona affinità per il cotone e per la lana permette una solida colorazione di giallo, giallo-chiaro.

Utilizzo medico-diagnostico

La fluoresceina è utilizzato come colorante di contrasto nella cosiddetta diagnostica per immagini. Viene iniettata in forma molto diluita in vena con lo scopo di valutare i piccoli capillari della retina in un processo conosciuto come fluorangiografia. La molecola è generalmente ben tollerata dall'organismo e viene allontanata tramite le urine. In alcuni casi, specialmente nei soggetti con manifesta ipersensibilità alla molecola, è opportuno evitare l'esame.

RICERCA
NETWORK SCIENTIFICO
 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©
-->