Salute e benessere: Test per le intolleranze alimentari

Scritto da Fabrizio Crisafulli.
Pubblicato il 10-08-2018 Revisionato il 10-08-2018
Fabrizio Crisafulli

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

Tavola dei contenuti: Iter corretto per richiedere i test di intolleranza - Diagnosi fai-da-te

I test per le intolleranze alimentari rappresentano i mezzi di diagnosi attraverso i quali è possibile, con una buona approssimazione, determinare se un soggetto è intollerante a un cibo oppure ad una intera classe di cibi. È bene chiarire che i test di intolleranza alimentare seguono specifici protocolli sia di prelievo sia di analisi sia di valutazione, condotti da personale qualificato e competente nel merito.

Negli ultimi anni, tuttavia, nel mercato sono sempre più numerosi i test cosiddetti “fai-da-te”. Questi test non hanno alcun valore scientifico poiché si basano su teorie del tutto estranee alla biologia e alla medicina. Inoltre, l’utilizzo di questi test a fini di auto diagnosi, può comportare un immediato o futuro pericolo per la salute ad esempio, un soggetto normalmente tollerante ad un alimento può rilevare, attraverso il test di auto diagnosi, una inesistente intolleranza ed escludere quell’alimento dalla propria dieta allo stesso modo, ma con esito inverso, un paziente intollerante ad un alimento può non rilevare la reazione del proprio organismo nei confronti dell’alimento qualora si affidasse a questo tipo di testo. In ambedue i casi, la potenziale pericolosità è evidente.

Iter corretto per richiedere i test di intolleranza

Per prima cosa è bene confrontarsi con il medico di base o con l’opportuno specialista. È vero che alcuni sintomi, tre qual è la diarrea o la spossatezza, sono riconducibili a stati di intolleranza alimentare che necessitano di valutazione. È anche vero che, questi sintomi, possono essere il risultato della presenza di altre condizioni inoltre, la stanchezza, l’astenia, la diarrea e la costipazione possono essere episodi del tutto temporaneo e transitori che non meritano di ulteriori analisi in quanto auto limitanti.

Qualora, invece, gli episodi correlati alla digestione e -in genere- all’introduzione determinati nutrienti proseguissero nel tempo, è opportuno operare un preciso iter medico. Lo specialista, in questi casi, prescrive al paziente dei test da effettuarsi esclusivamente in laboratori accreditati

Diagnosi fai-da-te

Negli ultimi anni, anche grazie alla progressiva capillarità dei social network, alcuni tipi di test definiti di auto diagnosi sono commercializzati sotto i nomi più diversi. Non esiste alcuna base scientifica che possa collegare multati ottenuti dalla autovalutazione, mediante questi test, alla effettiva presenza o assenza di intolleranze. Nella maggior parte dei casi, i test venduti anche nei canali specializzati, riportano dei risultati del tutto casuali.

-- Box Box: apparato digerente not found --

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©