Salute e benessere: Tularemia

Scritto da Dott. Crisafulli F..
Pubblicato il 10-02-2017 Revisionato il 10-02-2017
Dott. Crisafulli F.

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

Tavola dei contenuti: Vettore e trasmissione - Patologia - Diagnosi di tularemia - Trattamento

La tularemia è una patologia che deriva dall'infezione del batterio Francisella tularensis. L'uomo può essere colpito da tularemia attraveso l'infezione trasmessa dai roditori o da altri animali di media taglia, ad esempio il coniglio.

Vettore e trasmissione

La trasmissione avviene, nella maggior parte dei casi, attraverso il passaggio tra la cute danneggiata. Una ferita, in altre parole, è una porta per il passaggio dei batteri verso il sangue. Tuttavia, è anche possibile che il passaggio dei batteri avvenga attraverso lo scambio diretto di sangue con gli animali infetti e, in alcuni casi, bevendo l'acqua contaminata.

Patologia

La patologia relativa allatularemia è da suddividere in due stadi:

  1. Interessamento del linfonodo periferico, che si gonfia fino a scoppiare.
  2. Interessamento sistemico, periodo nel quale l'infezione si propaga verso tutti gli organi.

Diagnosi di tularemia

La diagnosi di tularemia avviene grazie a tecniche di coltivazione batterica o di biologia molecolare, ad esempio mediante la ricerca di anticorpi specifici.

Trattamento

Il trattamento di eccellenza avviene mediante la somministrazione di antibiotici.

-- Box Box:salute not found --

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©