Sincronia mestruale

Tavola dei contenuti: Controversie - Bibliografia

La sincronia mestruale o comunemente effetto McClintock è una ipotesi, formulata dalla psicologa Martha McClintock, secondo la quale un gruppo di donne fertili, a stretto contatto tra loro, tende, con il passare dei mesi, alla sincronizzazione del ciclo mestruale attraverso una ipotetica segnalazione feromonale o, comunque, una stabilizzazione. Le osservazioni condotte dalla psicologa concludevano che un gruppo di donne, a stretto contatto tra loro, dopo un certo periodo di tempo presentavano cicli mestruali sovrapponibili in inizio e durata.

Le considerazioni di Martha McClintock, tuttavia, sono state ridimensionate e, attualmente, non sono considerate accettabili. In primo luogo, la ridotta campionatura (135 ragazze in una età compresa tra 17-22 anni) può essere fonte di un errore statistico importante; alle ragazze, infatti venne chiesto di indicare le ragazze con le quali si incontravano più spesso, lasciando uno spazio - sebbene minimo - di interpretazione personale. Inoltre, l'esiguo spazio campione non permette di valutare i disallineamenti di ogni inizio del ciclo mestruale.

Controversie

L'analisi statistica, e le approssimazioni con le quali lo studio è inizialmente partito, non permettono di accettare, dal punto di vista scientifico, il cosiddetto effetto McClintock che, per queste ragioni, rimane una osservazione di un evento determinato più alla casualità che all'azione di ipotetici segnali ormonali o influenze tra donne che condividono lo stesso luogo per molto tempo.

Bibliografia

Pagine simili

Commenti alla pagine

No comments for this page
wiki ver.... ©