Salute e benessere: Trasmissione oro-fecale

Scritto da Dott. Crisafulli F..
Pubblicato il 02-11-2015 Revisionato il 06-01-2018
Dott. Crisafulli F.

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

Tavola dei contenuti: Tipi di malattie a trasmissione oro-fecale - Prevenzione

La trasmissione oro-fecale è un tipo di passaggio di agenti infettivi, ad esempio virus o batteri, che coinvolge almeno due ospiti attraverso l'emissione fecale di patogeni e l'introduzione, mediante alimenti o acqua contaminata, da parte di un organismo sano.

Le trasmissioni oro-fecali, specialmente nelle zone in via di sviluppo, sono tra le principali fonti di trasmissione di molte malattie poiché anche piccole aliquote di feci contaminate possono veicolare - su larga scala - l'infezione; ad esempio, una fonte d'acqua contaminata può raggiungere molte migliaia di persone con esiti gravi e con la conseguente instaurazione di veri e propri focolai di emergenza sanitaria. Per questo motivo, qualsiasi malattia a trasmissione oro-fecale può essere potenzialmente letale o debilitante per un gran numero di individui.

Le epatiti, sono tra le principali patologie a trasmissione oro-fecale. L'epatite A e l'epatite C, si diffondono attraverso materiale fecale contaminato.

Tipi di malattie a trasmissione oro-fecale

Le malattie a trasmissione oro-fecale si classificano in due, grandi, categorie che sono determinate dall'agente eziologico: malattia di natura batterica e malattie di natura virale.

Trasmissione diretta e tramissione indiretta

La trasmissione oro-fecale diretta avviene direttamente tra soggetto sano e soggetto malato, attraverso lo scambio di materiale fecale. Alcune malattie si servono dei cosiddetti vettori, rappresentati da uno o più animali che sono in contatto con le feci; queste malattie sono classificate come indirette.

Vettori

Alcuni animali sono dei vettori di eccezione per la trasmissione di malattie oro-fecali, specialmente se gli stessi stazionano oppure vivono in ambienti ricchi di materiale fecale contaminato. Il ratto, ad esempio, è un vettore d'eccezione per alcune patologie poiché può facilmente venire a contatto sia con la fonte contaminata sia con il cibo. Altri esempi di vettore sono da identificare nelle mosche, nel pollame e perfino negli animali da compagnia quali il cane ed il gatto.

Prevenzione

La prevenzione per la limitazione delle malattie a trasmissione oro-fecale consiste nell'adottare adeguate misure di igiene sia personale che collettiva. La sterilizzazione, o il trattamento delle acque potabili è il primo passo per abbattere la possibilità di infezione e di trasmissione delle malattie. Ove ciò non è possibile è opportuno adottare anche delle azioni di "buon senso", ad esempio evitare di consumare cibi crudi o manipolati con dubbie norme igieniche. Le mani, ad esempio, possono essere vettori dei patogeni oro-fecali.

Igiene personale

La corretta osservanza dei principi di igiene personale rappresenta la prima, ed efficace, barriera per la prevenzione della trasmissione della maggior parte delle patologie a percorso oro-fecale. Le elementari norme di igiene personale, infatti, permettono di allontanare i microbi responsabili delle patologie, diminuendone la carica effettiva e, di conseguenza, la possibilità di determinare uno stato patologico severo nei confronti dell'ospite.

In particolare, è utile lavarsi spesso le mani, non consumare cibi crudi o acqua di provenienza non sicura e, eventualmente, provvedere alla bollitura dell'acqua e alla cottura uniforme dei cibi.

Vaccinazione

L'utilizzo del vaccino rappresenta uno strumento di immunoprofilassi utile per la prevenzione di molte malattie, alcune delle quali a specifica trasmissione oro-fecale.

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©