Salute e benessere: Candida albicans

Scritto da Dott. Crisafulli F..
Pubblicato il 13-10-2012 Revisionato il 23-04-2018
Dott. Crisafulli F.

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

Tavola dei contenuti: Candida e candidosi umana - a seguito di terapia antibiotica

Il fungo Candida albicans è un organismo che appartenente alla famiglia Candida. Dal punto di vista della classificazione sistematica, C. albicans è considerato un fungo a caratterizzazione dimorfica, poiché può presentarsi sia sotto forma di filamento (muffa) oppure sotto forma monocellulare (lievito).

Candida e candidosi umana

Nell'uomo, C. albicans è responsabile, qualora la sua presenza sfugga ai sistemi di controllo dell'organismo, della candidosi che può essere una infezione sistemica o locale. Lo sviluppo dell'infezione da candida, e la relativa genesi delle complicazioni, è favorito dal fatto che C. albicans è il fungo maggiormente presente nel microbioma umano(1).

Proliferazione di C. Albicans a seguito di terapia antibiotica

L'utilizzo di antibiotici, specialmente a largo spettro, può alterare la microflora vaginale e consentire un vantaggio selettivo al fungo. L'aumento della velocità di proliferazione di C. Albicans, dopo la terapia antibiotica, è determinato dal maggiormente favorevole accesso ai nutrienti. Le risorse trofiche, in altre parole, prima della terapia antibiotica erano ripartite tra gli elementi batterici e gli elementi eucaritoici. A seguito dell'eliminazione selettiva dei primi, le risorse trofiche sono maggiormente disponibili per i secondi che, per questo motivo, sono maggiormente competitivi nella proliferazione.

Bibliografia

1) Candida albicans Biofilms and Human Disease - Clarissa J. Nobile, Alexander D. Johnson. Journal of testology applied
 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©