Rapporto sessuale - sessualità

Scritto da Fabrizio Crisafulli.
Pubblicato il 13-10-2012 Revisionato il 19-03-2016
Fabrizio Crisafulli

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

Tavola dei contenuti: Classificazione dei rapporti sessuali - Rapporto sessuale e procreazione - Sicurezza nei rapporti occasionali

Il rapporto sessuale è l'evento nel quale l'individuo esprime la propria sessualità sollecitando, in modo diretto o indiretto, i propri genitali e/o quelli del partner.

La sessualità è uno degli ambiti in assoluti più personali e, proprio per questo motivo, non esiste una omogeneità tra gli individui, e perfino tra le popolazioni, per quanto riguarda le pratiche sessuali. Ogni criterio di classificazione risulta ristretto alla luce della complessità dell'argomento.

Classificazione dei rapporti sessuali

I rapporti sessuali possono essere classificati in base al sesso dei partner ed in base alla modalità.

Rapporti eterosessuali

Con il termine rapporto eterosessuale si intende in rapporto sessuale tra un uomo ed una donna.

Rapporti omosessuali

Il rapporto omosessuale, a differenza di quello eterosessuale, avviene tra individui dello stesso sesso. Non necessariamente, per un individuo, avere uno o più rapporti omosessuali è sintomo di omosessualità che, invece, indica una preferenza sessuale ben più radicata nelle volontà dell'individuo.

Rapporti vaginali

Il rapporto vaginale è l'evento sessuale nel quale un individuo di sesso maschile immette il proprio pene nella vagina della partner.

Rapporti anali

Nel rapporto anale il pene viene inserito all'interno dell'orifizio anale del partner. La pratica è conosciuta con il nome di sodomia, e può essere più o meno accettata dai partner. Data la morfologia interna è praticamente impossibile che, a seguito di un rapporto anale, possa instaurarsi una gravidanza mentre i rischi per la trasmissione di malattie, si veda a tal proposito l'apposito paragrafo, aumentano.

Rapporti orali

Il rapporto orale è dato dall'inserimento del pene nella cavità orale.

Rapporto sessuale e procreazione

Dal punto di vista strettamente procreativo, ovvero da una veduta del rapporto come strumento necessario per generare dei figli, l'evento sessuale è il momento di congiunzione tra il pene, ovvero l'organo sessuale maschile, e la vagina che rappresenta l'organo sessuale femminile. All'interno del canale vaginale, in concomitanza con l'orgasmo maschile, vengono immessi gli spermatozoi contenuti nel liquido seminale che risalgolo le vie genitali femminili fino a raggiungere l'ovulo espluso dalle ovaie a livello delle tube di Falloppio.

Con le moderne tecniche di procreazione assistita, negli ovvi casi limite, viene meno la necessità del rapporto sessuale al fine procreativo in quanto uno o più ovuli possono venire fecondati artificialmente, ad esempio utilizzando la fecondazione artificiale.

Sicurezza nei rapporti occasionali

Il rapporto può essere occasionale, ovvero consumato all'esterno di stabili relazioni, e, per questo motivo, si rende necessario adottare delle misure di sicurezza volte a prevenire gravidanze indesiderate o trasmissione di malattia sessualmete trasmissibile tra cui l'AIDS, l'HPV, la sifilide e via dicendo. Il metodo più efficace per prevenire sia le gravidanze indesiderate sia la trasmissione di malattie è l'utilizzo del preservativo.

Rapporti anali e vaginali e trasmissione di malattie sessuali

In un rapporto vaginale, rispetto ad un rapporto anale, è meno probabile contrarre malattie veneree. La spiegazione è data dal fatto che nel rapporto anale, data la conformazione dell'orifizio anale, è più probabile la lacerazione della mucosa e la conseguente emissione di sangue ed immissione di liquidi. Il preservativo risente ulteriormente di queste sollecitazioni e, a causa di ciò, potrebbe essere opportuno utilizzare delle creme lubrificanti durante il rapporto anale.

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©