Salute e benessere: Infarto del miocardio

L'infarto del miocardio è una seria condizione medica che deriva dal mancato afflusso di sangue al muscolo cardiaco. Senza la circolazione sanguigna il muscolo cardiaco non è capace di contrarsi e di sopravvivere. La condizione d'infarto, se non risolta immediatamente, può compromettere gravemente la salute e provocare la morte oppure danni permanenti.

L'infarto del miocardio, noto anche come infarto o come attacco di cuore, è una condizione medica che si verifica quando l'afflusso di sangue al muscolo cardiaco viene bloccato per un tempo tale da indurre la sofferenza del tessuto cardiaco. Questo blocco può essere causato da un coagulo in un'arteria o dal restringimento di un'arteria dovuto all'accumulo di placca. I sintomi dell'infarto del miocardio includono dolore toracico, mancanza di respiro e nausea. La diagnosi viene tipicamente effettuata con l'uso di elettrocardiogramma (ECG) o di un ecocardiogramma (ECHO). Le opzioni terapeutiche successive all'evento prevedono l'assunzione di farmaci come l'aspirina e gli anticoagulanti, modifiche dello stile di vita come smettere di fumare e procedure come l'innesto di bypass coronarico. In alcuni casi, può essere necessario un intervento chirurgico per eliminare il tessuto cardiaco danneggiato.

L'afflusso del sangue al tessuto cardiaco potrebbe apparire superfluo visto che il cuore stesso, all'interno degli atri e dei ventricoli è pieno di sangue. Tuttavia lo spessore del muscolo è talmente importante da necessitare di un'irrorazione a parte che possa portare il sangue ossigenato in profondità. L’afflusso del sangue proviene da due arterie coronarie che si diramano dall'aorta, fornendo sangue ossigenato al tessuto cardiaco e permettendogli di operare i propri processi metabolici.

Definizione di infarto del miocardio

L'infarto del miocardio è una condizione medica pericolosa per la vita causata dall'improvviso blocco di una o più arterie coronarie. Questo blocco porta alla morte delle cellule del muscolo cardiaco a causa della mancanza di ossigeno e sostanze nutritive. È una delle forme più comuni di malattia coronarica (CAD) e può portare a gravi complicazioni come arresto cardiaco, ictus e persino morte se non trattata. Il blocco del muscolo, anche parziale, non permette al cuore di essere efficiente e pompare il sangue vero i polmoni (piccola circolazione) e verso tutto l'organismo (grande circolazione).

Cause dell'infarto del miocardio

Ci sono molti fattori di rischio per l'infarto del miocardio e la malattia coronarica, inclusi livelli elevati di colesterolo, fumo, diabete, obesità, ipertensione, storia familiare di malattie cardiache e inattività fisica. Questi fattori di rischio possono aumentare le possibilità di un individuo di avere un attacco di cuore. Altre possibili cause includono la predisposizione genetica ai blocchi arteriosi o ai disturbi della coagulazione.

Sintomi dell'infarto

I sintomi comuni dell'infarto del miocardio includono dolore o fastidio al torace, mancanza di respiro, nausea e vomito, sudorazione, stordimento o vertigini e dolore in altre parti del corpo come braccia, schiena e mascella. Le donne possono manifestare sintomi diversi rispetto agli uomini; possono sentire pressione o schiacciamento nel petto al posto della percezione del dolore. È importante riconoscere i segni e i sintomi di un infarto in modo da poter consultare immediatamente un medico. Il tempo tra inizio dell'infarto e primo soccorso è il principale parametro per garantire la più grande possibilità di sopravvivenza dell'individuo. L'infarto trattato già dalle fasi iniziali può portare a esiti positivi nella maggior parte dei casi.

Diagnosi di infarto del miocardio

L'infarto richiede una diagnosi e un trattamento immediati. La diagnosi di infarto miocardico comporta l'uso di esame obiettivo, test di laboratorio, studi di imaging ed elettrocardiografia (ECG). I test diagnostici più comuni per l'infarto del miocardio sono l'elettrocardiogramma (ECG), gli esami del sangue per misurare gli enzimi cardiaci e gli studi di imaging come l'ecocardiogramma e l'angiografia coronarica. Un test ECG può aiutare a diagnosticare un attacco di cuore rilevando i cambiamenti nell'attività elettrica del cuore. Gli esami del sangue possono rilevare livelli elevati di enzimi cardiaci che vengono rilasciati quando il muscolo cardiaco è stato danneggiato a causa di un infarto. Gli studi di imaging possono fornire immagini dettagliate del muscolo cardiaco e dei vasi sanguigni per identificare eventuali blocchi o danni causati da un infarto del miocardio.

Elettrodi attaccati al petto di un paziente pronto per l'elettrocardiogramma
L'elettrocardiogramma rappresenta il primo passo per la valutazione di un infarto in corso.

Il saggio enzimatico permette di definire con precisione un infarto in corso. Vengono analizzati i cosiddetti enzimi cardiaci che sono normalmente presenti in concentrazione molto bassa durante la giornata ma, in caso d'infarto, possono aumentare a dismisura.

I principali enzimi cardiaci sono i seguenti:

Trattamento per l'infarto del miocardio

Esistono diverse opzioni di trattamento disponibili per coloro che soffrono di questa condizione. A seconda della gravità dell'infarto, i medici possono prescrivere farmaci come beta-bloccanti, ACE-inibitori e statine per ridurre il rischio di ulteriori danni al muscolo cardiaco. Altre opzioni di trattamento includono cambiamenti nello stile di vita come smettere di fumare e impegnarsi in una regolare attività fisica. La chirurgia può anche essere necessaria in alcuni casi. È importante che i pazienti chiedano consiglio medico al proprio medico il prima possibile per determinare quale opzione terapeutica sia la migliore per loro.

Salute e benessere
Sistema cardiovascolare: Ictus.

Feedback

Il tuo aiuto è importante. Ti chiediamo un minuto per rispondere a questo breve sondaggio

Come valuteresti questo articolo?
Vuoi suggerirci qualcosa?
Captcha
captcha
 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Commenti

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©
-->