Incrocio a tre punti - genetica

Scritto da Dott. Crisafulli F..
Pubblicato il 18-09-2013 Revisionato il 18-09-2013
Dott. Crisafulli F.

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

Tavola dei contenuti: Osservazione dopo l'incrocio - Voci correlate

Un incrocio a tre punti viene effettuato per determinare la distanza e la disposizione di tre geni. Si utilizza un individuo eterozigote per i tre caratteri che viene incrociato con un individuo omozigote recessivo per gli stessi tre caratteri. Ad esempio:

AaBbCc x aabbcc

 

Con tre caratteri in analisi il numero delle classi fenotipiche sarà pari a otto poiché si applica la semplice formula:

 n = 2 num. caratteri

Analizzando la frequenza di comparsa delle classi fenotipiche si nota che esse sono raggruppate a gruppi di due. In altre parole esisteranno quattro “grandi” gruppi di frequenze simili.

Ad esempio:

Frequenza di comparsa in un incrocio a tre punti
Classe Numero Descrizione
ABC
abc
1000
950
Fenotipo parentale, giacché presente a maggior frequenza.
aBC
Abc
300
290


aBc
AbC
180
165


ABc
abC
40
30

Fenotipo doppio ricombinante, poiché presente in minor frequenza.

Osservazione dopo l'incrocio

Osservando il fenotipo parentale, a maggior frequenza di comparsa, e quello doppio ricombinante, a minor frequenza di comparsa, è possibile stabilire qual è il gene che si troverà “in mezzo”. In questo caso è il gene C poiché è l’unico che varia in tutti fenotipi. Di conseguenza la mappa genica è così schematizzata:

Incrocio a tre punti
image

Voci correlate

Percorso di Genetica

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©