Magnificazione biologica - ecologia

Scritto da Fabrizio Crisafulli.
Pubblicato il 29-11-2019 Revisionato il 29-12-2019
Fabrizio Crisafulli

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

Tavola dei contenuti: Indice di misurazione della magnificazione biologica - Esempio di biomagnificazione

La magnificazione biologica, o biomagnificazione, è un fenomeno di accumulo di molecole - anche nocive - lungo una catena alimentare.

Quanto più lunga è la catena alimentare tanto è più alta la concentrazione, al vertice della catena, delle sostanze nocive.

Quando una sostanza entra nella catena alimentare, ad esempio da un produttore primario oppure da un consumatore, normalmente si accumula in esso con una bassa concentrazione. Ad ogni anello della catena, la concentrazione della molecola aumenta.

In alcuni casi, la molecola tende ad accumularsi in specifiche zone del tessuto animale. Molti POP's (persistent organic polluttants, inquinanti organici persistenti) sono liposolubili e per questo motivo sono facilmente accumulati nel tessuto adiposo degli animali mentre altri inquinanti, come ad esempio il mercurio ed i suoi derivati, hanno una maggiore affinità per il tessuto sanguigno. Per questo motivo tendono ad accumularsi nel fegato.

Biomagnificazione - Magnificazione biologica
Schematizzazione dell'aumento di concentrazione in una catena alimentare. Il picco massimo di concentrazione di una sostanza è rilevabile nei livelli alti della catena trofica.

Indice di misurazione della magnificazione biologica

La misura della biomagnificazione in una catena alimentare è operata tramite l'analisi dell'indice TTC meglio conosciuto come Trophic Transfer Coefficient (coefficiente di trasfermiento trofico) che è il rapporto tra la concentrazione di una molecola in analisi reperita nella preda e la concentrazione della molecola nel suo diretto predatore. Se tale rapporto è minore ad 1 allora non vi è biomagnificazione. Viceversa, se il rapporto è maggiore di 1, esiste una correlazione di biomagnificazione.

Esempio di biomagnificazione

Un classico esempio di magnificazione biologica riguarda l'accumulo di mercurio (metilmercurio) nei pesci. La concentrazione del metallo nell'acqua, sia dolce sia salata, dovrebbe essere prossima allo zero. Tuttavia, l'attività industriale e, in genere, l'inquinamento, rappresentano dei fattori di contaminazione delle acque. Per questa ragione, il metallo è rilevato in concentrazione sempre crescenti nella catena trofica marina. I predatori ai vertici, ad esempio il tonno o il pescespada accumulano nei loro tessuti ingenti quantità di mercurio, acquisito tramite il consumo di prede, a loro volta, contaminate.

Introduzione: Ecologia, ecosistema, biosfera, nicchia ecologica. Foresta pluviale, savana tropicale.
Flusso dell'energia: Produttore primario, consumatore
Cicli biogeochimici: Ciclo del carbonio, ciclo dell'azoto, ciclo del fosforo, ciclo dello zolfo.
Popolazione: Crescita della popolazione, fattore limitante, stress ecologico.
Rapporti tra specie: Neutralismo, commensalismo, competizione, mutalismo, amensalismo.
Dinamica delle popolazioni: Competizione intraspecifica, competizione interspecifica, coevoluzione. Equazioni di Lotka-Volterra.
Dinamica degli ecosistemi: Successione ecologica.

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Nessuna pagina simile

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©