istologia: Colorazione tricromica di Mallory

Scritto da Dott. Crisafulli F..
Pubblicato il 29-07-2014 Revisionato il 29-07-2014
Dott. Crisafulli F.

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

La colorazione tricromica di Mallory è un tipo di colorazione molto utilizzato in istologia, per la differenziazione delle strutture endocellulari di un campione. Il protocollo di esecuzione è molto semplice e prevede il passaggio sequenziale del vetrino in delle miscele opportunamente preparate. È una tecnica ipercolorativa, nella quale il campione è colorato in eccesso e, attraverso il passaggio in soluzioni acquose, viene diluito.

Il primo passo consiste nel porre il vetrino nell'ematossilina, altrimenti conosciuta come emallume di Mayer, per una prima, intensa, colorazione. Successivamente, il vetrino è lavato in acqua corrente e acqua distillata per togliere l'eccesso di colorante. Segue un passaggio in fucsina acida, due passaggi in acqua corrente e acqua distillata e una immersione in orange G. È importante, prima della diafanizzazione in xilolo un passaggio in alcol a 95°.

Attraverso la colorazione di Mallory, il nucleo appare di colore viola, il citoplasma di colore arancione e il collagene di colore azzurro.

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

No comments for this page
wiki ver.... ©