Penicillina

La penicillina è un antibiotico naturale scoperto, secondo la ricostruzione più accreditata, casualmente nel 1929 e utilizzato tuttora per la cura d’infezioni causate da batteri gram-positivi. Dal punto di vista del funzionamento, l’antibiotico penicillina, può essere classificato come batteriostatico poiché uccide le cellule batteriche già esistenti. Chimicamente la penicillina è un beta-lattamici|beta-lattamico.

La parete dei batteri è formata da più strati, uniti tra loro, di un polimero chiamato peptidoglicano. Gli strati sono legati tra loro da legami interpeptidici, sintetizzati da un enzima chiamato bactoprenolo. La penicillina, e altri antibiotici lisanti la parete, come ad esempio le cefalosporine, si interpone nel processo di transpeptidazioneb e, pertanto, rende la parete cellulare estremamente debole.

Resistenza alla penicillina

Per quanto riguarda la penicillina, non sono rari i casi di resistenza alla molecola che avviene, essenzialmente, secondo tre criteri: efflusso attivo mediante barriere di impermeabilità, presenza di beta-lattamasi, e insensibilità dell’enzima. Alcuni batteri hanno sviluppato dei meccanismi di difesa nei confronti della penicillina costituiti da “pompe” che estrudono la molecola verso l’esterno. In questo modo soltanto una piccola frazione dell’antibiotico riesce a inibire la sintesi della parete batterica.

Un’altra strategia difensiva consiste nella sintesi di enzimi chiamati beta-lattamasi mediante i quali, un batterio, riesce a neutralizzare la penicillina, e in genere tutti gli antibiotici aventi un anello beta-lattamico. Per superare questa linea di difesa, in alcuni casi, è possibile iniettare oltre all’antibiotico un altro farmaco che inibisce l’enzima beta-lattamasi.

Un terzo metodo di difesa riguarda la variabilità genetica delle cellule batteriche. Alcuni ceppi, a seguito di mutazioni casuali, possono avere isoforme enzimatiche che costruiscono la parete cellulare insensibili, per varie ragioni, alla penicillina. In questo caso la resistenza è un punto chiave nel valutare una corretta terapia.

Pagine correlate

Pagine simili

Commenti alla pagine

No comments for this page
wiki ver.... ©