Tubocurarina - fisiologia vegetale

Scritto da Dott. Crisafulli F..
Pubblicato il 19-06-2013 Revisionato il 20-10-2014
Dott. Crisafulli F.

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

Tavola dei contenuti: Molecola - Struttura - Effetti

Molecola

Formula bruta C37H41N2O6
Peso molecolare: 609
Download A breve disponibile
La tubocurarina è una molecola che appartiene al gruppo degli alcaloidi e dei metaboliti secondari, con potente azione mioparalizzante e, per questa ragione, utilizzata come veleno da alcune tribù cacciatrici e come derivato anestetico dalla moderna industria medica.

La tubocurarina possiede un nucleo benzilisochinolonico ed è il principale costituente dei curari.

Struttura

La tubocurarina ha una struttura molto complessa che deriva dagli anelli benzilisochinolonici e da numerose sostituzioni.

Struttura della tubocurarina

Struttura della tubocurarina

Effetti

La tubocurarina ha un potente effetto paralizzante nei confronti del muscolo scheletrico ma non ha effetto sul muscolo cardiaco. La sua azione si esplica poiché rappresenta un forte competitore dell'acetilcolina e, per questa ragione, satura i siti di riconoscimento a livello della giunzione neuromuscolare.

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©