Germoglio - botanica

Scritto da Dott. Crisafulli F..
Pubblicato il 18-05-2015 Revisionato il 20-05-2015
Dott. Crisafulli F.

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

Tavola dei contenuti: Origine del germoglio - Pagine correlate

In botanica, il germoglio è la parte aerea o epigea della pianta o, in altre parole, la parte che vive fuori dal terreno. Il germoglio può differire in base alla specie e anche alla maturazione della pianta; ad esempio i germogli degli organismi vegetali neonascenti possiedono una gracile struttura che, con il trascorrere del tempo, può lignificarsi.

Il germoglio è l'insieme di tre elementi fondamentali, intimamente uniti tra loro:

Il fusto è la parte del germoglio che serve a dare sostegno strutturale alla pianta ed ha il compito di distribuire le sostanze nutritive, solitamente acquose, per tutta la pianta includendo, quindi, foglie e radici.

Germoglio
Foglia, fusto e picciolo, gli elementi che formano un germoglio.

Le sostanze transitano attraverso particolari vene formate dai fasci conduttori rappresentati dal floema e dallo xilema. Il picciolo, che non è una struttura sempre presente, è invece il punto di tramite tra il fusto e la foglia. Quest'ultima è una parte della pianta molto importante poichè nel proprio interno, e specialmente nel mesofillo, avviene la fotosintesi clorofilliana. La foglia rappresenta l'organo terminale del complesso ciclo di trasporto dell'acqua poiché, da minuscoli pori in essa situati, chiamati stomi, essa evapora.

Origine del germoglio

Il germoglio ha origine dalla plantula che è la formazione embrionale della pianta che emerge subito dopo la germogliazione. La plantula può possedere un abbozzo di fusto e delle foglie embrionali che non sono sempre presenti.

Il germoglio primordiale, successivamente, provvede alla propria crescita primaria sviluppandosi in altezza e rifinendo, oppure creando, le prime foglioline. Il sostentamento del germoglio è solitamente fornito dal seme  fino a quando la radice della piantina non ha sufficiente specializzazione ed estensione da poter fornire nutrienti alla pianta. Durante questa fase è molto importante una particolare via metabolica, chiamata ciclo del gliossilato presente soltanto nelle piante e nei batteri.

I tempi di maturazione primaria del germoglio variano da specie ad specie e sono influenzati da fattori esterni o ambientali come, ad esempio, l'umidità, la quantità di radiazione solare e la presenza di nutrienti. I fattori appena elencati possono comportarsi da fattori limitanti qualora fossere presenti in concentrazioni limite, estremamente rarefatti oppure troppo abbondanti.

Pagine correlate

Introduzione alla biologia vegetale: Cellula vegetale, tessuto vegetale, meristema, fasci conduttori (floema e xilema), epidermide.
Organi della pianta: Radice, fusto, foglia, seme, fiore, infiorescenza.
Riproduzione delle piante: Riproduzione asessuata delle piante, ciclo aplodiplonte.
Fotosintesi clorofilliana: (fase oscura della fotosintesi, fase luminosa della fotosintesi), ciclo di Calvin, ciclo C4.


Botanica sistematica
Briofite: Epatiche, antocerote , muschi.
Crittogame vascolari (Felci o pteridofite): Licofite, psilofite , sfenofite.
Gimnosperme: Cicadofite, ginkgofite, conifere, gnetofite
Angiosperme: Graminaceae, solanaceae, Leguminaceae, asteraceae, papaveraceae, rosaceae, crucifere, ombrellifere, liliaceae. :

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©