Fusto - botanica

Scritto da Fabrizio Crisafulli.
Pubblicato il 11-06-2021 Revisionato il 12-11-2021
Fabrizio Crisafulli

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

Tavola dei contenuti: Struttura e funzioni - Ruolo biologico - Meristema del fusto - Zona di differenziamento o di distensione - Fusto modificato

Il fusto, o tronco, è un organo delle piante. Assieme ai rami e alle foglie, nelle piante giovani, fa parte del germoglio. Ha il compito di sostenere la pianta, di permettere la protrusione dei rami e di creare un sistema di conduzione tra la parte ipogea delle piante, formata dalle radici, e la parte epigea. Dal punto di vista strutturale è formato dai nodi, dai quali emergono i rami, e gli internodi che sono i segmenti presenti tra due nodi.

Acer palmatum fusto internodo
Internodo di Acer palmatum

Bambusa vulgaris, internodo
Internodo di Bambusa vulgaris
^^

La struttura e la morfologia del fusto varia in base alla specie. Alcune piante, tra le quali quelle appartenenti alla famiglia delle Poaceae (prima conosciute come Asteraceae) hanno un fusto semplice privo di accrescimento secondario. I fusti semplici non mostrano elementi esterni lignificati, ad esempio la corteccia. La crescita secondaria del fusto permette all'organo di crescere in diametro e avviene con periodicità.

Struttura e funzioni

Il fusto delle piante sviluppate è strutturato in zone che, dal centro verso l'esterno prendono il nome di duramen, alburno, cambio, floema e sughero.

Ruolo biologico

A cosa serve il fusto?

Il fusto è l'organo che permette alla pianta di crescere in altezza in modo da vincere la competizione per la luce. Ha un importante ruolo strutturale poiché irrobustisce la pianta e la protegge dall'azione del vento e dei predatori. Dal punto di vista fotosintetico, le cellule del fusto sono ininfluenti poiché, in esse, non avviene la fotosintesi clorofilliana.

Metasequoia glyptostroboides fusto
Fusto di Metasequoia glyptostroboides.

Meristema del fusto

Il fusto possiede il proprio meristema che permette alla pianta di allungarsi. È presente nel cosiddetto apice vegetativo. Nelle Pteridofite (felci) il meristema primario è all'apice ed è formato da una singola cellula. Nelle Spermatofite (Gimnosperme e Angiosperme) il meristema primario del fusto possiede un numero elevato di cellule meristematiche.

Pianta accrescimento
Meristemi della pianta

Zona di differenziamento o di distensione

Immediatamente sotto all'apice vegetativo è presente una zona di particolare interesse biologico nella quale le cellule contribuiscono all'allungamento della pianta. Questa parte del fusto prende il nome di zona di differenziamento o di distensione. Il volume delle cellule vegetali è, in gran parte, dovuto all'aumento del volume del vacuolo. In questa zona i vacuoli cellulari assorbono acqua e soluti e permettono alla cellula di espandersi. Questo processo, inoltre, determina il passaggio da cellula giovane a cellula adulta.

Fusto corteccia sughero
Particolare di un fusto che presenta una zona parzialmente priva di sughero.

Fusto modificato

Alcune specie sviluppano delle modifiche funzionali al fusto. La presenza di un fusto modificato trova ragione in un vantaggio biologico acquisito dalla pianta. La comparsa di aculei o strutture che dissuadono i predatori a rosicchiare il fusto aumenta, in termini di competizione, il vantaggio della specie.

^^

Fusto modificato di Ceiba speciosa
Fusto modificato di Ceiba speciosa. La presenza di robuste spine dissuade i predatori.
Fusti di Ficus macrophylla
Fusto di Ficus macrophylla. La presenza di colonne modificate permette al possente albero di distribuire meglio il proprio peso sul suolo.

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©
-