Biologia vegetale - botanica

Scritto da Fabrizio Crisafulli.
Pubblicato il 04-07-2021 Revisionato il 04-07-2021
Fabrizio Crisafulli

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

Tavola dei contenuti: Storia della Botanica - Strumenti e tecniche - Metodo scientifico - Sviluppi scientifici e sociali della botanica

La Biologia Vegetale o Botanica è una branca della biologia che studia la biologia delle piante, la biochimica e gli aspetti strutturali. La ricerca in questo campo può essere focalizzata sullo studio di diverse specie vegetali o sullo studio di come le piante si sviluppano, crescono, cambiano durante il loro ciclo di vita e come sono collegate con gli animali e l'uomo. L'obiettivo in questo ramo è comprendere la biochimica delle piante, nonché la loro fisiologia e morfologia. La biologia vegetale è un campo interdisciplinare della biologia che si occupa dello studio della vita vegetale in termini della sua struttura e dei suoi costituenti. Inoltre, comprende una vasta gamma di campi come l'evoluzione, l'ecologia, la genetica e la biochimica.

Le piante sono il fondamento della vita sulla terra. Si stima che esistano circa 315.000 specie e costituiscono circa tre quarti della biomassa vivente del mondo. Le piante possono essere trovate ovunque nel nostro mondo e forniscono nutrienti e ossigeno.

Le piante sono organismi autotrofi perché possono produrre il proprio sostentamento energetico. Lo fanno attraverso un processo chiamato fotosintesi clorofilliana che consente loro di trasformare la luce solare in energia e quindi utilizzare quell'energia per la crescita e la riproduzione.

Storia della Botanica

Il campo ha una lunga storia. Lo studio sistemico e scientifico origina dagli antichi greci. La Biologia Vegetale, intesa come disciplina scientifica, ha origine nel XVIII secolo, quando gli scienziati iniziarono a chiedersi quali fossero le forze che permettessero alle piante di crescere e di svilupparsi. Hanno anche cercato di determinare i fattori che contribuiscono alla crescita sana delle piante e alla conservazione per usi alimentari o per altre ragioni. Successivamente, fu uno dei primi rami della Biologia a svilupparsi, con naturalisti come Linneo e Buffon che contribuirono a lavori importanti.

Collezione orto botanico.
Collezione storica presente all'orto botanico di Palermo.

Strumenti e tecniche

Gli strumenti utilizzati dai botanici sono osservazioni operate su piante viventi e parti di piante nel loro habitat naturale.

I botanici usano gli strumenti della botanica per osservare le piante nel loro ambiente oppure in laboratorio.

Nella ricerca sul campo, i botanici sono in grado di osservare le piante nel loro ambiente naturale. Sono in grado di vedere come crescono, di cosa hanno bisogno per sopravvivere e come interagiscono con altre specie. La ricerca sul campo fornisce ai botanici il contesto di cui hanno bisogno per comprendere meglio i loro soggetti. Non viene utilizzato solo per l'osservazione, ma comporta anche la raccolta di campioni e piante, nonché la conduzione di esperimenti per ottenere informazioni su piante e altre forme di vita. La ricerca sul campo è uno degli strumenti della botanica che consente una comprensione più profonda di specie vegetali altrimenti difficili da studiare o che non possono crescere in un ambiente di laboratorio.

I botanici hanno utilizzato la ricerca sul campo nel tempo per studiare l'evoluzione, determinare la gerarchia della vita vegetale sulla Terra e capire come si diffondono alcune malattie.

Nella ricerca di laboratorio, i botanici studiano esemplari di piante in un ambiente controllato. Sono in grado di indagare diversi aspetti della vita e della funzione della pianta, controllando variabili come luce, temperatura, livelli di umidità e altro.

Metodo scientifico

La botanica è lo studio scientifico della vita vegetale. I botanici usano il metodo scientifico a molti livelli diversi nelle loro ricerche e osservazioni.

I botanici sono spesso tenuti a ripetere un esperimento o un'osservazione con variabili diverse per vedere se c'è una differenza significativa nei risultati. Tengono anche registrazioni dei loro esperimenti prendendo appunti dettagliati e tenendo traccia dei cambiamenti nell'ambiente o degli stimoli per ogni prova.

Osservazione di una specie

Il processo di osservazione è un esempio pratico che utilizza il Metodo Scientifico ed è, normalmente, suddiviso in sei fasi.

  1. Identificare la specie.
  2. Preparare il campione per l'esame.
  3. Esaminare i campioni per struttura, forma, colore, ecc.
  4. Adottare misure protettive per preservare il campione per un uso futuro.
  5. Fare un disegno dettagliato o uno schizzo della morfologia e della struttura delle specie vegetali osservate che serva da registrazione permanente di quanto visto in quel momento.
  6. Trarre conclusioni su quanto osservato dallo studio di tutti i dati ottenuti con questi mezzi e riassumere i risultati per iscritto o parlarne oralmente

Sviluppi scientifici e sociali della botanica

La botanica è una materia molto ampia e ha molte sottocategorie. Alcuni botanici si concentrano su aspetti specifici come la crescita delle piante o il rapporto tra piante e umani. Altri potrebbero essere più interessati a studiare l'impatto dei cambiamenti climatici sulla vita delle piante o come le piante potrebbero adattarsi ai futuri cambiamenti climatici.

 

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©
-