Omeostasi del calcio - fisiologia

Scritto da Dott. Crisafulli F..
Pubblicato il 29-01-2013 Revisionato il 15-01-2017
Dott. Crisafulli F.

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

Tavola dei contenuti: Assuzione, deposito ed escrezione del calcio - Assorbimento - Trasporto del calcio - Riassorbimento

Il calcio è uno ione che, dal punto di vista strettamente biologico, assume un ruolo fondamentale nella mediazione di alcuni processi cellulari da esso strettamente dipendenti; la contrazione muscolare, ad esempio, avviene soltanto quando il calcio è presente in quantità sufficiente all'esterno della cellula e i sistemi di trasporto intracellulari funzionano in maniera efficace.

Assuzione, deposito ed escrezione del calcio

Il calcio è introdotto nell'organismo mediante la dieta. Gli alimenti ricchi di calcio sono rappresentati dalle carni, dai derivati del latte e, seppur in misura minore, dalle uova. Una dieta equilibrata deve tener conto, in virtù degli importanti ruoli, di una funzionale immissione del calcio.

Assorbimento

Il calcio è assorbito mediante due tipi di trasporto nel tratto gastrointestinale iniziale, a livello del duodeno e del digiuno. In questi organi avviene sia un trasporto attivo, modulato dal calcitriolo, sia passivo mediante semplice diffusione.

Omeostasi del calcio
Assorbimento e omeostasi del calcio.

Il trasporto attivo è finemente regolato dall'organismo mediante dei sistemi a feedback; per questa ragione, i trasporti attivi del calcio, sono oggetto di studio e di perfezionamento per quanto riguarda la cura di patologie legate all'assorbimento dello ione in oggetto. Il secondo tipo di processo, invece, non è regolabile e permette l'assorbimento di calcio in una "linea secondaria", utile ad esempio quando i trasporti attivi non sono pienamente funzionali.

Trasporto del calcio

Il calcio, una volta assorbito dal duodeno o dal digiuno, è trasportato mediante il circolo sanguigno sia in forma libera sia associato a proteine.

Riassorbimento

A livello del rene, il calcio è quasi totalmente riassorbito. Nel tubulo prossimale avviene un riassorbimento obbligato, in ragione di circa il 70% dello ione presente nei torrente ematico. Il 20% è assorbito nell'ansa di Henle e il rimenente 10% nel tubulo distale. L'azione di riassorbimento del calcio a livello dell'ansa di Henle è finemente modulato da due ormoni: paratormone, calcitriolo e calcitonina.

Ormone Sintesi Bersaglio Effetto
Paratormone (PTH) Ghiandole paratiroidi Rene, ossa Ipercalcemizzante. Aumento della velocità di riassorbimento sia renale sia ossea. Stimolazione renale dell'attivazione di calcitriolo. Aumenta anche l'escrezione del fosfato.
Calcitriolo
(1,25-diidrossicolecalciferolo)
Assunzione mediante dieta, attivazione della vitamina D3 Rene, ossa Aumenta la velocità di assorbimento del calcio nel tratto diegerente.
Calcitonina Tiroide Reni, Ossa Aumenta l'apposizione di calcio a livello delle ossa, diminuisce il riassorbimento renale.

 

 

 

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
Unknown user avatar

Anonymous il 2020-06-24 17:12:19

Le carni conservate, fresche e le frattaglie hanno concentrazioni di calcio di circa 40-20mg/100g, mentre degli alimenti come possono essere dei legumi (considerando quelli in forma disidratata) citiamo: Ceci 142mg/100g, Fagioli 135mg/100g e Soia 257mg/100g. Il paragrafo sull'assunzione del calcio completamente da rivedere.

wiki ver.... ©