Micobatteri - microbiologia

Scritto da Fabrizio Crisafulli.
Pubblicato il 13-10-2020 Revisionato il 15-10-2020
Fabrizio Crisafulli

Laureato in biologia, curo da oltre quindici anni siti di informazione scientifica.

Tavola dei contenuti: Morfologia - Acido resistenza e colorazione - Coltivazione - Specie d'interesse medico

I micobatteri (Mycobacterium) sono un genere di batteri caratteristici per rispondere in modo scarso alla colorazione di Gram. Per questa ragione vengono definiti batteri gram-variabili. La loro morfologia è altrettanto caratteristica: la forma del corpo è bastoncellare e non possiedono strutture di movimento.

Alcune specie formano delle fitte ramificazioni grazie a delle estrusioni filamentose che ricordano le ifee dei funghi.

Morfologia

Il corpo dei micobatteri è di forma cilindrica ed è allungato. La dimensione in lunghezza difficilmente supera i 4μm. Non possiedono una capsula vera e propria ma un involucro esterno tipico dei batteri gram positivi. La struttura esterna sembra conferire la caratteristica acido-resistenza che impedisce la penetrazione del colorante durante le indagini microbiologiche.

Tubercolosi colonia
Rappresentazione grafica di una colonia di batteri di M. tuberculosis

Acido resistenza e colorazione

L'acido-resistenza è la caratteristica principale dei micobatteri. A seguito della fissazione della colonia, attraverso metodi fisici o chimici, è impossibile operare una classica colorazione di gram poiché i coloranti non riescono a permeare la spessa struttura esterna. Per questo motivo è necessario operare la colorazione di Ziehl-Neelsen a temperature superiori a 70°C e utilizzare l'acido fenico come coadiuvante.

Coltivazione

La coltivazione dei micobatteri avviene con diversi tipi di terreni di coltura sia solidi sia liquidi. La scelta di uno o dell'altro terreno si basa sulla finalità della coltivazione. I terreni solidi si prestano meglio a operazioni di preparazione per un successivo isolamento dell'organismo, ad esempio per la preparazione di frammenti antigenici. I terreni liquidi, invece, si adattano meglio per operare dei test di sensibilità, ad esempio nei confronti di una specifica molecola. Tra i terreni solidi più utilizzati spicca il terreno di Lowenstein-Jensen che è un terreno a base di tuorlo d'uovo. In questo terreno è aggiunto del glicerolo oppure del piruvato per favorire, rispettivamente, la crescita di Mycobacterium tuberculosis o Mycobacterium bovis.

Micobatteri terreni di coltura
Classificazione dei terreni di coltura utilizzati per la coltivazione dei micobatteri.

Specie d'interesse medico

Mycobacterium tuberculosis è, senza dubbio, la specie medica di maggior interesse poiché rappresenta l'agente eziologico della tubercolosi, una grave malattia infettiva che colpisce i polmoni.

Mycobacterium ulcerans è un batterio endemico in aree in via di sviluppo mentre è assente nelle zone occidentali. L'infezione da M. ulcerans provoca una vistosa necrosi a carico della cute, totalmente indolore, che può estendersi fino al muscolo e all'osso. La menomazione di interi arti è uno tra i principali effetti dell'infezione non trattata.

Mycobacterium leprae, o bacillo di Hansen è invece l'agente eziologico della lebbra. L'infezione è endemica in aree in via di sviluppo mentre è eradicata nelle zone occidentali.

 Questa pagina è rilasciata sotto la licenza BiologiaWiki Copyright

Pagine simili

Commenti alla pagine

URL:
No comments for this page
wiki ver.... ©